11 marzo 2013

I love my home ( appliquè in an embroidery hoop)

I giorni volano, siamo quasi arrivati alla fine del lavoro per FILI SENZA TEMPO e chissà perché alla fine sembra sempre di non avere fatto niente, finché si arriva sul posto e il banco è sempre troppo piccolo per contenere tutto. Succederà anche questa volta? ne sono quasi certa..
Comunque, vi mostro anche oggi qualcosa fatto per questa occasione.
Sapete che spesso ho realizzato quadretti nei telai, come qui  o qui.
Questa volta avevo un telaio da tavolo, preso in fiera a Vicenza qualche edizione fa. 
Lo avevo preso per me ma non l'ho mai usato.
Così ho deciso di ridargli vita facendone un quadretto.

Days are flying and the craft fair is near ( next weekend). I make and make and it always seems I've made nothing.
Then, when I have to fill my own booth, there won't be enough space, always this way!
I'm showing you another thing I've made for this fair.
I made other works into embroidery hoops, as you can see here and here.
This time I had this big table hoop.
I bought it for myself, but never used it.
So I decided to convert it into a frame and make an appliquè.




La mia solita predilezione per albero e casetta, ma in toni neutri. Beige e un tocco di celeste, su una tela molto rustica. I colori me li ha dettati il colore del legno del telaio, che ho voluto lasciare naturale.
Un tocco in più è la casetta sul quadratino di stoffa che ho appeso alla chiusura del telaio.
L'ho realizzata con un mini timbro che ho ricavato da una gomma per cancellare.

The subject is my beloved tree with house. Beige and a touch of light blue. Colours were suggested by the colour of the hoop wood.
The tiny house on the cotton square is made with a rudimental rubber stamp I made out of an eraser.


Contorni effetto schizzo matita, ma fatti con il metodo tradizionale, cioè con cuciture classiche ripassate più volte per essere meno precisi. Niente mano libera nè piedino da free motion.
Per questo vorrei rassicurare le lettrici che mi hanno scritto di non avere la possibilità di abbassare il trasporto sulla loro macchina: con un pochino di pazienza potete avere effetti molto simili anche con il punto normale.
Io, prima di scoprire la tecnica illustrata da Federica, l'ho sempre fatto normale, anche le scritte.
Non sarà proprio lo stesso fascino, ma ci si avvicina :-)


The usual freehand effect appliquè, but made with the classical machine stitch, not the freehand machine technique.
Some readers of mine were complaining because their machine can't make free motion.
But I think you can reach nice results with the normal stitch, too.
I've always used the normal stitch, before discovering the freehand techinque, thanks to my friend  Federica , too.




A presto!

27 commenti: