26 settembre 2012

Il topo Giulio ( ovvero: esperimenti di maglia)

Chi è questo musetto che spunta dai vasi?
E' il topo Giulio, la mia prima creazione a maglia.
Lo ha chiamato così il mio compagno, che si diverte a chiamare tutti Giulio.. non chiedetemi perchè!!

Who is behind the pots?
My first knitted creature: Giulio the mouse ( my fiancè named it this way)



Si muove veloce e..


ops, lo ritrovo sul muretto di mattoni che curiosa nel nuovo mondo. E' nato da poco, è molto curioso!

He's newly born and still so curious about the world.



In realtà mi vergogno anche un pochino:
 agli occhi esperti delle veterane della maglia non sfuggiranno gli errori e le irregolarità.
Basti dire che il muso mi è venuto completamente diverso dal resto del corpo e nel pattern originale non è così.. vai a sapere che ho combinato!!
Ma alla fine lo rende unico, lo rende speciale.. d'altronde nei libri di knitting che sto leggendo viene ricordato più volte che non bisogna pretendere di fare tutto perfetto, che le imperfezioni danno carattere alle creazioni e allora va bene così eheh.
Intanto per me è un vero MIRACOLO anche solo aver creato un pupazzo, anche se piccolo e semplicissimo.. non pensavo e ne vado tanto orgogliosa ( ogni scarrafone è bello a mamma sua..)

He's full of mistakes and imperfections, the face is different from the pattern and I don't know why but I love it so much!
I want to love imperfect things, too.



Ma Giulio si sente anche un pochino solo e quindi gli sto facendo una compagna :-)

He feels alone and I'm knitting a fiancè for him :-)


Note tecniche:
imparare la maglia su libri inglesi è una doppia sfida. 
Non solo è tutto nuovo, ma anche imparare la legenda delle abbreviazioni di knitting è come imparare una lingua nuova.
Fare gli aumenti, le diminuzioni ecc. sono cose che mi sembravano astruse, fuori dalla mia portata e invece piano piano, facendo e disfacendo ( sopratutto disfacendo) sto prendendo la mano almeno nei fondamentali.
Imparare la giusta tensione del filo poi è un'altra cosa che viene solo col tempo, le lavoratrici a maglia lo sanno.. con calma!!
 Il tempo è pochissimo e mi ci dedico solo qualche sera ogni tanto, ma comunque imparare mi riempie di entusiasmo.
Voglio usare questa tecnica per creare pupazzi e cose dolci e tenere, più che per abbigliamento ( anche se la sciarpa classica prima o poi ci scappa!). 
Come nel cucito, sono più attratta dal creare pupazzi e accessori che non dai vestiti.
Però mai dire mai!

A questo proposito:

Il modello è tratto da Knitted Toy Tales, Laura Long.
Il libro che Federica ha consigliato, che vedete nel post precedente e che ha davvero soggetti deliziosi.. ( e non parliamo dell'orsetto che è il mio prossimo obiettivo e che è il motivo per cui ho preso coraggio per imparare)
Ah, la coda l'ho fatta intrecciando dei fili di lana: sul libro si dice di farla all'uncinetto.. ci mancava anche quello.. nemmeno ce l'ho un uncinetto.. con calma! O_O
si capisce che "con calma" è il mio nuovo mantra??

I'm so glad I'm learning new things. The effort is double, since I'm reading english books and have to learn the strange knitting language and abbreviations, too.
But I like to try and see so many wonderful creatures in books and sites.
I hope to have time to knit and knit and learn the right gauge etc.
The pattern is from  Knitted Toy Tales, Laura Long.
There are lost of funny and sweet toys, as my friend Federica wrote in her blog.
Hugs by Giulio mouse and me.

Io e il topo Giulio vi salutiamo, alla prossima!




30 commenti: