17 dicembre 2015

The Big Apple..again


E poi c'è New York. Sempre lei. 
Sempre dannatamente caotica e affascinante.
Abbacinante e ipnotica.
Dove tutto sembra possibile.
Dove la vita può prendere pieghe imprevedibili.
Il mio blog è sempre più silente, lo so.
Ma la mia vita va avanti, e con grossi progetti.
La verità, molto poco romantica, è che ormai faccio foto solo con il telefono e ogni volta non so nè come nè quando spostare le foto sul pc.
Non so e non voglio imparare a postare direttamente dal telefono.
Sono rimasta all'epoca dei dinosauri su certe cose.
Così sono passate settimane dal momento in cui avrei avuto qualcosa da scrivere.
Ma almeno chi mi segue sui social sa che sono abbastanza attiva, che sto bene.

And then New York
Always New York.
Where everything seems possible.
Where life can change so deeply.
My blog is sleeping..and that's because I only take pics with my phone and can't load them so quickly and easily on my tablet.
I'm not that good in technology.
But finally I manage to show you these.




E uno dei più bei ricordi di questo autunno è la Grande Mela.
Quella dei mercati agro-alimentari curati fin nel più piccolo dettaglio.
Quella delle luci sfavillanti dei luoghi esclusivamente turistici, dove i veri newyorchesi neanche vanno.
Quella di Tiffany e dei bagliori dei brillanti.
Quella del verde meraviglioso e immenso di Central Park.
Quella degli infiniti eventi culturali.
Quella dello sport, dello yoga e del pilates.
Quella della desolante tristezza di un fuori stagione a Coney Island.
Quella della metro sempre affollata.
Quella delle vetrine e degli shopping mall.
Quella del Village, di Soho e Tribeca: a misura europea, con le strade acciottolate, le case in brownstone e magnifici negozi di design.
Quella del cambio di temperatura di 10 gradi in due giorni.
Quella dei mille e mille ristoranti e locali.

The New York of eye-cathing markets.
The one of Tiffany, of the wonderful green of Central Park.
The one of cultural events.
The one of fitness, yoga and pilates.
The one of a sad out of season in Coney Island.
The one of the overcreowded subway.
The one of shopping malls.
The one of Tribeca and SoHo and the village and brownstone houses and european feeling.
The one of climate changes in two days.
The one of restaurants and every kind of food.











La precedente avventura a New York la trovate qui

You can find our previous trip to NY here





Nessun commento: