9 giugno 2011

La libreria indiana diventa " french chic"

Una volta ho accennato a una libreria indiana  che abbiamo da qualche tempo. Per la verità, non mi piaceva più da molto, essendo scurissima, al limite del nero.. e nemmeno sappiamo bene dove collocarla. 
Intanto che ci medito, però, l'ho sbiancata. Il mio compagno non era mai stato favorevole, ma dopo averla vista dopo il trasloco, si è reso conto che non centrava più niente con i nostri ambienti molto chiari e mi ha detto di farne ciò che volevo :-))
 La tecnica l'ho già spiegata più volte, ma ricevo sempre molte mail a riguardo. Immagino che avreste preferito un tutorial fotografico, ma perdonatemi.
In questo periodo vado sempre di fretta e preferisco non fare foto mentre pasticcio coi colori..ma prima o poi..

I've got an old indian library I hated. It was too dark for my tastes and so, after a few years, I painted it cream and aged it with the usual wax technique. My fiancè was not sure but after seeing it in our white nest, he understood it was not a right piece anymore. It took time and efforts, here you can see the before, intermediate and after. I like it but still don't know where to put it!
In the meantime it's at the end of our entrance, full of not ironed (!!) bed linens.



Per ora è diventata un porta biancheria ( ops, lenzuola NON stirate, direi), in fondo al nostro ingresso. Poi chissà.. so solo che è ingombrante e pesantissima e proprio in sala non ci sta!

****

Qui vedete alcune fasi: 
Non l'ho scartavetrata, sono solo partita con MOLTE mani di smalto all'acqua opaco. L'ho fatta un paio di mesi fa, non ricordo quante mani, ma almeno 3 per avere una base uniforme partendo da un colore così scuro.
Poi ho dato la cera color noce Libéron, diluita con un po' di essenza di trementina, in modo che sia più liquida e si possa stendere bene col pennello. E il risultato, inquietante, lo vedete nella fase intermedia.
Infine, ho scartavetrato tutto con PAZIENZA E OLIO DI GOMITO con lana d'acciaio 00 ( quindi media, non troppo fine), sempre Libéron.
La cera darà un tocco ambrato a tutto e resterà più scura in alcuni punti.



Ho avuto modo di scriverlo più volte, però ricordo che sono cose reperibili in qualunque centro fai da te che abbia un piccolo reparto per il restauro dei mobili.
Di solito usavo la lana 0000, quella finissima, ma ho avuto modo di vedere che con la 00 ci si mette meno tempo, perché gratta di più :-)

Adoro questa tecnica, sebbene sia lunga. Quando passi la mano, la superficie è liscissima.. e poi la cera scura lascia molte ombre, proprio come piace a me.



Chiedo scusa, il dopo non si vede molto bene, ma mi sono scordata di fotografarla prima di metterla nel corridoio e ora non c'è spazio sufficiente a inquadrarla bene.
Però immagino si intuisca il bellissimo effetto che questa tecnica fa sui mobili molto ricchi. 
Ormai non dico una cosa nuova: i mobili molto lavorati, ricchi di volute e piedini, modanature, sono perfetti per essere sbiancati. Perderanno quell'aria pesante e soffocante che hanno ai giorni nostri, guadagnando in raffinatezza ed eleganza.


A questo proposito vi ringrazio tantissimo: ricevo sempre molte mail con richieste di aiuto, consigli, per aiutarvi a distanza nella rinascita di qualche vostro mobile. E quando mi riscrivete soddisfatte, a volte entusiaste di quello che siete riuscite a fare solo leggendo i miei suggerimenti ne sono contentissima!
Anche perché non sono mica una decoratrice professionista, di sicuro farò anche errori, ma questo è il metodo che uso e con cui mi trovo bene.

***

E per finire in dolcezza, guardate cosa ho ricevuto qualche giorno fa da una mia lettrice, Bina. Non solo bellissimi bottoni in madreperla, ma addirittura questo stupendo sacchettino natural con tanto di fiore. Non lo trovate bellissimo? questi piccoli gesti sono coccole, grazie.

And last but not least, look at the marvellous gift I've received from blog reader, Bina. She wanted to give me some buttons and put them in this wonderful handmade bag with flower. Lovely!


A prestissimo

26 commenti: